ESINE E VALCAMONICA

Il nome di Esine compare la prima volta nel 979 in una donazione effettuata da Gisalberto da Esine. Nel XII secolo vi è un’aspra vertenza con i vicini di Borno a causa di una palizzata costruita sul fiume Oglio, che a causa dell’abusiva costruzione aveva mutato corso. Vi fu anche una rissa che portò alla morte di undici persone. Nell’ottobre 1168 venne emessa una pacificazione in Montecchio che portò alla distruzione della staccionata.

  • Nel 1287 Manfredo Beccagutti acquistava a ripetizione le terre di Esine e Plemo, venendo poi investita del diritto di decima da parte del vescovo di Brescia.
  • Verso la fine del XIV secolo Marchesio figlio di Ziliolo Federici, del castello di Gorzone, acquistano terreni in Esine.
  • Tra il 1545 ed il 1549 Esine ed Erbanno si contendono il bosco delle Toroselle.
  • Nel 1577 viene fondato un monte di pietà.
  • Nel corso degli anni, si verificarono numerose inondazioni (sia della Grigna che dell’Oglio con la morte di 140 persone.
  • A partire dall’800 si manifestano sempre più numerosi dei fenomeni di carsismo, che creano dei baratri chiamati “laghetti”.

Contatti

Contattaci per avere informazioni!

Tel.: 0364 46052
Cell: +39 335 5254381


Name
Email
Message

Congratulazioni! Messaggio inviato con successo.
Errore! Per favore, inserisci dati corretti.
© Copyright 2015 Ristorante Da Sapì - tel.: 0364 46052 - Cell: +39 3355254381 - P.I.: 02944050984 - email: ristorantesapi@gmail.com - Via Mazzini, 36 – ESINE (BS)
Layout by cominelli.com